Hike & Fly 3 Confini sulle cascate del Serio




11.11.2015,Volare è fantastico, ogni volo, anche il più ordinario, racchiude una magia sempre diversa, ogni pilota, ogni club ha un volo speciale, per noi di Volomania questo volo è quello che partiti dal Tre Confini ci porta a sorvolare le cascate del fiume Serio in alta Valle Seriana in provincia di Bergamo che vengono aperte solo in poche occasioni durante l'estate.

È speciale perché questo volo non è solo un volo, è prima di tutto una dura camminata da fare insieme che si snoda per 10 km in una valle selvaggia e che ti porta a salire 1400 mt di dislivello con la vela in spalla, ma andiamo con ordine....
Ritrovo a Lizzola per le 06h30, io che sono il più lento anticipo il gruppo e parto alle 06h00 tanto poi mi beccano subito, quest'anno abbiamo il grande piacere ed onore di avere con noi due mostri sacri del volo libero : Franky e Libero !

La salita al buio ha sempre il suo fascino ma il panorama della valle che si rivela con l'albeggiare toglie il fiato, il silenzio è rotto solo dai nostri passi, i più allenati parlano e scherzano, gli altri giù la testa e pedalare!
La fila via via si allunga, ma a piccoli gruppi tutti avanzano e verso le 10:30 ci si ritrova in decollo a oltre 2700 metri sul livello del mare, una bella brezza a favore ci fa dimenticare ogni fatica ed il paesaggio.... quello è veramente da dieci e lode !

Alle 11:00 dalla diga del Barbellino inizieranno a cadere verso valle le più alte e belle cascate d'Italia ma lo spettacolo durerà solo trenta minuti quindi iniziamo la preparazione ed i decolli si susseguono veloci.
Sorvoliamo per un tratto la valle che abbiamo prima risalito, da sopra è ancora più bella, ed il cielo poi, azzurro e privo di nubi incorniciato dalle montagne illuminate dal sole, è proprio un cielo in full HD !

Dopo pochi minuti di volo, aggirato un costone di roccia appaiono le cascate in tutta la loro maestosità, è incredibile poterle osservare da questa posizione privilegiata, potersi avvicinare fino a sentirne il rombo, vedere e quasi poter toccare l'arcobaleno che le colora, e poi via un passaggio sopra il rifugio Coca e di fronte alle torri di roccia che puntano il cielo....
La terra ci chiama, questo volo che non dovrebbe mai finire volge al termine, ancora uno sguardo verso le cascate e poi giù il carrello, una bella tirata di freni, un tocco leggero.
Cammino tra i miei amici, le vele stese a terra aspettano di essere ripiegate, ci guardiamo con la gioia negli occhi per quello che abbiamo visto, capiamo di condividere molto di più della semplice passione per il volo, guardo verso le cascate, ma il flusso d'acqua è stato interrotto.....
Arrivederci al prossimo anno

Il Pirata


Printer Friendly Page Send this Story to a Friend